Romanzi


NEW!!  Un’improbabile cacciatrice di indizi!

Un’improbbile cacciatrice di indizi!! È questo il titolo del nuovo romanzo, con il quale desidero divertirvi e farvi sorridere. Pubblicato da Gabriele Capelli Editore, è disponibile in tutte le librerie e nei reparti libri dei supermercati. Grazie mille per la straordinaria partecipazione alla serata di presentazione: oltre 200 partecipanti!!

5

5

Un’improbabile cacciatrice di indizi, Gabriele Capelli Editore, 2018

È questo il titolo del mio nuovo romanzo, che sono felice di pubblicare finalmente con un editore ticinese: una nuova avventura tutta da gustare!

Lo spunto per questo racconto viene, come spesso accade, dalla vita reale. Una brutta vicenda di lettere anonime rivista e romanzata nel mio stile leggero e simpatico. Immergetevi nel mondo di Ilde, la protagonista, e aiutatela a trovare il colpevole.

Per la prima volta un po’ di giallo, ma … a modo mio: qualche indizio, parecchi sorrisi e un finale a sorpresa!

La storia narra di … eh no! Tutto da scoprire

 

4

4

La felicità mi aspetta, Sperling & Kupfer 2015

“Ricordati sempre che una persona felice è una persona che prende in mano la sua esistenza e che fa succedere le cose. Non aspettare che la vita ti scorra fra le dita: prova, sbaglia, piangi, ridi, fai soldi, perdi tutto e ricomincia”.

Agata è la protagonista di questo romanzo cucinare manicaretti le è sempre piaciuto e fondare una ditta di catering con la sua migliore amica e il fratello di lei è stata una scelta naturale. Sta vivendo un periodo complicato, per fortuna però, come talvolta succede, il cambiamento arriva inaspettato.

Simpatici personaggi, tra i quali un nonno che si spaccia per grande filosofo – e che a ottant’anni suonati non ha ancora smesso di credere nell’amore – e un’ impicciona zia Florinda che riesce sempre a dire la cosa sbagliata al momento giusto. Toccherà ad Agata decidere se concedersi una seconda possibilità.

3

3

Cento lacrime mille sorrisi, Sperling & Kupfer, 2014

È possibile sorridere e talvolta ridere di gusto mentre si legge un libro che narra una storia vera e commovente?

Eh sì, perché a differenza dei precedenti, romanzi di fantasia nati per far ridere me e voi, Cento lacrime mille sorrisi è una storia vera, la mia, di mia figlia e della mia famiglia.

Una storia che fa un po’ ridere e un po’ piangere.

E perché leggerla? vi chiederete. Perché potrebbe essere la storia di ognuno di noi: per conoscersi, per ritrovarsi e per iniziare a credere che tutto è possibile!

Ma visto che a me ridere piace molto più che piangere, mi sono permessa una piccola licenza. Ho aggiunto due personaggi immaginari: Marcello, il classico macho tutto birra e moto che sviene alla vista del sangue, e soprattutto lei, la mia preferita, zia Flo! Una bomba di vitalità e inadeguatezza: l’antitesi dell’empatia. Quando scrivevo di lei era come se la suocera di tutti noi fosse lì ad aiutarmi… e che aiuto!

Il risultato è un libro leggero, scorrevole, in parte allegro, ma al tempo stesso commovente.

2

2

Di pancia di cuore da ridere 2 – Lina alla riscossa, Autorinediti 2012

La protagonista dei primi due romanzi é Lina, una giovane donna simpatica, ma un po’ svitata e paranoica.

Il primo libro si svolge sull’arco di due rocambolesche settimane, costellate da una moltitudine di personaggi ed episodi divertenti, durante le quali Lina inizia un percorso di crescita e cambiamento personali.

Il secondo romanzo, con nuovi personaggi e nuove idee stravaganti, offre  al lettore il seguito delle scoppiettanti avventure della protagonista, promettendo nuovamente piacevoli momenti di allegria e ilarità.

1

1

Di pancia di cuore da ridere 1, Autorinediti 2011

Primo romanzo comico (talvolta un po’ demenziale9

La storia si rivolge prevalentemente ad un pubblico femminile (ma non solo), che potrà  facilmente immedesimarsi nelle riflessioni e nelle (dis)avventure di Lina, la protagonista.

Calarsi nei panni del personaggio è reso particolarmente facile dal linguaggio aperto (detto anche a scatole vuote) volutamente utilizzato in modo da non fare riferimento a nessuna località precisa, a nessun marchio e a nessun trend, permettendo così al lettore di collegare i luoghi e i personaggi descritti a qualcosa che già conosce e potrebbe far parte del suo vissuto.